15 Febbraio 2015

TCR dimostra la sua versatilità

TCR (Terminal Container Ravenna) conferma il suo ruolo di Porto Speciale per Prodotti Speciali, sempre capace di rispondere alle necessità dei propri clienti.

La maggior parte delle attività svolte all’interno del terminal riguarda i container, compresi molteplici servizi dedicati a valore aggiunto, ma TCR ha anche il privilegio di offrire i propri servizi al più grande operatore al mondo di navi RO-RO. I servizi RO-RO, che trasportano diverse tipologie di merce, sono richiesti su tutte le rotte adriatiche, e trovano la loro dimensione ideale all’interno del TCR, accanto alle attività tradizionali, legate ai container.

Anche in questo caso, TCR dimostra tutta la sua versatilità, essendo in grado di gestire sia le attività di carico e scarico tramite rampa (usata per diverse tipologie merci rotabili e industriali) accedendo agli enormi ponti coperti di queste navi specializzate, così come attività di movimentazione convenzionale.

Questo mercato di nicchia esprime una solida domanda sulle rotte di collegamento tra il Mar Adriatico e la Turchia, Israele e l’Egitto, paesi che sono tuttora impegnati in grandi progetti industriali, ed esprimono una domanda costante di macchinari nuovi ed usati, in aggiunta a molteplici tipologie di merci convenzionali e il Montenegro, dove Fiat Chrysler Automotives gestisce uno dei suoi impianti di produzione.

 

Nel 2014, TCR ha registrato una crescita rispetto al 2013 del 5% per quanto riguarda la movimentazione di automobile e del 15% per quanto riguarda le alter tipologie di veicoli, confermando il trend crescent degli ultimi 5 anni, e stabilendo un nuovo record per il terminal.

Secondo Alessandro Battolini (Operations Manager TCR) – “Le operazioni sulle navi RO-RO sono piuttosto diverse da quelle che riguardano il traffico containerizzato tradizionale gestito dal terminal; nel corso degli anni il team TCR ha sviluppato la propria flessibilità e professionalità nel fornire un’ampia gamma di servizi a valore aggiunto ai propri clienti: qui gestiamo attività RO-RO e LO-LO, simultaneamente. I carichi RO-RO, spesso caricati ed assicurati su supporti MAFI presso il terminal, sono ogni volta diversi, e richiedono inventiva e pianificazione dettagliata”.

Milena Fico, Direttore Generale TCR, aggiunge: “Il mercato alimentato da queste navi rimane consistente. Attraverso i secoli, il porto di Ravenna è sempre stato coinvolto nei traffici con i Paesi del Mediterraneo orientale, e ancora oggi siamo parte della loro catena logistica. Nel 2014 abbiamo registrato una crescita del 15% rispetto all’anno precedente; tutti i servizi sono offerti in all’interno del terminal, aggiungendo sicurezza alla movimentazione di questo tipo di carichi, dal valore unitario estremamente variabile: in alcuni casi molto basso, in altri decisamente significativo. La gestione in loco permette inoltre a TCR di essere estremamente competitivo, come evidenziato dalla crescita costante da svariati anni”.

Potrebbe interessarti anche...

  • Storie
    30 Novembre 2018

    Il Generale Giuseppe Gerli Comandante Regionale della Guardia di Finanza in visita al Terminal Container Ravenna.

  • Storie
    3 Giugno 2018

    Intervista al Presidente TCR Giannantonio Mingozzi

  • Storie
    19 Gennaio 2018

    Il Presidente del Gruppo e il Presidente della Fondazione Cassa di Ravenna in visita al TCR