Inside the industry: Preservare la continuità della catena logistica durante la pandemia COVID-19 | Contship | Italiano
18 Maggio 2020

Inside the industry: Preservare la continuità della catena logistica durante la pandemia COVID-19

Il 2020 è iniziato sulle montagne russe: proprio quando le aziende stavano tirando un respiro di sollievo dopo la firma dell'accordo commerciale di fase 1 tra Cina e Stati Uniti, gli animi del mercato hanno virato di 180 gradi mentre il coronavirus si trasformava in un batter d'occhio in una massiccia pandemia globale.

 

Uno a uno, i paesi dell'Asia, dell'UE e degli Stati Uniti hanno chiuso i loro confini e hanno imposto restrizioni ai loro cittadini e ai viaggiatori.

Le previsioni economiche sono sconfortanti. Il FMI ​​vede il PIL pro capite ridursi in 170 nazioni a causa della pandemia, e ritiene che anche se lo scoppio sarà di breve durata, quest'anno potrebbe trascinare il mondo in una contrazione del PIL del 3%. Una ripresa di COVID-19 nel 2021 potrebbe lasciare le economie in difficoltà per gli anni a venire, ha aggiunto il FMI.

Il settore del trasporto di container sembra particolarmente vulnerabile. I vettori hanno reagito a queste cupe previsioni annunciando piani per aumentare i prelievi di capacità che porteranno fuori servizio il 20% della capacità trans-pacifica, mentre le negoziazioni Asia-Europa vedranno tagli di capacità cumulativi dal 25% al ​​30%, secondo Sea-Intelligence Maritime Consulting. Alcuni analisti prevedono un'altissima probabilità di un'altra grave insolvenza nei prossimi due anni.

Nel frattempo, non sono mancati episodi di panico di massa e di acquisti che hanno lasciato vuoti gli scaffali dei supermercati, senza neanche un solo rotolo di carta igienica in vista.

 

La strada verso la ripresa - Uno sguardo alla Cina

Sebbene stiamo ancora combattendo contro la diffusione del coronavirus, gli operatori della supply chain e della logistica stanno lavorando fianco a fianco per sviluppare un’efficace strategia di gestione del rischio durante questo periodo per accelerare la ripresa una volta stabilizzata la situazione.

La Cina, la prima a soffrire di Covid-19, ha iniziato a mostrare segni di ripresa, secondo un'analisi della Harvard Business Review. Sebbene la ripresa dipenderà dal modo in cui i mercati globali risponderanno, vale la pena notare che molte società cinesi sono già andate oltre la reazione alla crisi e hanno iniziato ad attuare la pianificazione di recupero e post-recupero. Questo li prepara a rispondere in caso di una seconda ondata di nuovi casi.

Con la nostra consolidata presenza in Europa e la vasta esperienza nella gestione della supply chain e del rischio logistico, Contship vuole fornire tre consigli ai manager della supply chain globale per accelerare il processo di recupero della catena di approvvigionamento.

 

1.   Istituire un comitato di continuità della supply chain

Nuove misure da parte delle autorità e pochi lavoratori sul posto limitano la visibilità della catena di approvvigionamento e i servizi connessi all'impatto. Le tariffe e la frequenza del servizio potrebbero essere influenzate da una domanda insufficiente, interessando luoghi anche dove sono in corso operazioni commerciali locali. È essenziale per le aziende istituire un comitato di continuità della supply chain interna per valutare costantemente le dinamiche e ridefinire la logistica necessaria.

Attraverso un attento monitoraggio delle operazioni dei fornitori di servizi della supply chain, i caricatori e i proprietari di merci possono adattare la loro catena di approvvigionamento e le loro alternative in modo flessibile.

Master Kong, uno dei principali produttori di noodle e bevande istantanei in Cina, ha utilizzato una pianificazione di emergenza dettagliata per riavviare oltre il 50% della sua fornitura poche settimane dopo lo scoppio della crisi, rifornendo con successo il 60% dei negozi che stavano riaprendo, tre volte di più di alcuni suoi concorrenti. (Fonte: Harvard Business Review)

Sebbene le attività e i servizi di Contship siano tutti operativi, abbiamo avuto un impatto sulla frequenza dei servizi a causa di un temporaneo calo della domanda e di alcune misure precauzionali necessarie. Abbiamo aggiornato proattivamente clienti e partner con alternative di spedizione attraverso molteplici soluzioni intermodali per soddisfare le loro esigenze. Mentre i clienti potevano essere confusi da rapporti mediatici e misure governative contrastanti, il nostro team di marketing ha comunicato informazioni e soluzioni tempestive e dirette.

 

2.   Prendere in considerazione alternative intermodali flessibili come la ferrovia

A causa della natura dinamica e in evoluzione delle misure del governo, la disponibilità di diverse modalità di trasporto è stata in costante cambiamento. Vediamo arretrati e congestioni di cantiere nei terminal marittimi a causa della limitata capacità dei camion, mentre la chiusura delle frontiere e controlli accurati alla dogana hanno anche ostacolato la velocità di sdoganamento e aumentato i costi.

Finora, il trasporto ferroviario di merci ha dimostrato di essere la modalità più efficace e meno disturbata per il flusso di merci su lunghe distanze. In Cina, il trasporto merci nazionale su rotaia sta attualmente sostituendo il trasporto a lunga distanza precedentemente fornito da camion. Il primo miglio è ancora un problema, ma per la lunga distanza, i treni sono attualmente l'opzione preferita.

Consigliamo una mappatura completa della catena di approvvigionamento end-to-end e la valutazione delle alternative intermodali sul mercato, compresa la regolazione dei rapporti di volume strada-rotaia.

 

3.   Piano di aumento delle esportazioni delle importazioni post-Covid-19

Dato che la produzione riprenderà a funzionare normalmente e raggiungerà la domanda arretrata, è probabile che si verifichi un aumento delle importazioni e delle esportazioni in container.

Per far fronte a una domanda improvvisa, consigliamo di considerare il trasporto su rotaia per una maggiore efficienza in quanto l’equipaggio di un treno (con un massimo di 2 membri) può spostare 40 semirimorchi. Un terminal di trasbordo necessita solo di 60 merci ferroviarie con 20 coppie di treni ogni giorno per spostare merci che altrimenti richiederebbero 800 camionisti.

 

Conclusioni

La logistica e i trasporti svolgono un ruolo indispensabile nella nostra catena di approvvigionamento e nella vita quotidiana. Con questo in mente, Contship ringrazia i suoi dipendenti e il suo personale per il diligente lavoro svolto durante questo periodo difficile e per aver garantito la continuità dei nostri servizi alla supply chain.

Contship farà tutto il possibile per mantenere la continuità della catena di approvvigionamento a supporto dell'economia e dei cittadini italiani, prestando al contempo la massima attenzione alla sicurezza e alla protezione della salute dei suoi dipendenti, partner commerciali e fornitori. 

 

 

 

Questo articolo fa parte di CS WINdow, la newsletter del Gruppo Contship Italia, che offre analisi ed approfondimenti sul mondo della supply chain, con un focus sulla logistica intermodale europea:

 

Potrebbe interessarti anche...

  • Contship Flag
    Esperienza
    30 Aprile 2020

    Inside the industry: Edizione 2020 del Report “Corridoi ed efficienza logistica dei territori"

  • Hannibal-DistriRail Webinar on Italy-Netherlands intermodal opportunities
    Esperienza
    2 Aprile 2020

    Webinar Hannibal - DistriRail sulle opportunità offerte dal collegamento intermodale tra Italia e Olanda

  • Esperienza
    20 Novembre 2018

    Inside the Industry: Sempre più Cina in Europa