26 Gennaio 2018

Inside the Industry: le dinamiche dei flussi commerciali europei in importazione ed esportazione

Con il nuovo anno è tempo di nuove sfide per il settore del trasporto delle merci containerizzate, e il momento giusto per analizzare i trend emersi nel 2017 e valutare quali continueranno nel 2018.

 

Non c’è dubbio che il settore dello shipping stia registrando un livello di concentrazione crescente, convergendo verso uno scenario in cui un gruppo ristretto di operatori dominanti sarà in grado di esercitare un forte potere contrattuale, anche se una sana competizione continua a caratterizzare la maggior parte dei traffici.

L’ondata di fusioni ed acquisizioni che ha coinvolto i principali player sembra essere giunta al termine, ma un ulteriore consolidamento sarà necessario per proseguire e portare efficacemente a termine il processo di concentrazione.

Mentre aumenta la competitività del settore del trasporto merci e diminuisce il numero di operatori dominanti, i clienti cercheranno di estrarre il massimo valore possibile dalla propria supply chain, ricercando soluzioni logistiche ottimali. La supply chain globale non è mai stata così interconnessa ed interdipendente, ed ulteriori trend di consolidamento stanno continuando ad emergere, innescando conseguenze rilevanti e di lungo termine per il mercato globale della logistica containerizzata.

Gli analisti prevedono per il 2018 e per gli anni successivi un’intensificazione di questi trend, che seguirà uno dei periodi di maggiore crescita e sviluppo degli ultimi dieci anni. Nonostante la recente battuta di arresto dei negoziati relativi agli accordi TTPI, i cambiamenti più significativi negli assetti delle rotte commerciali coinvolgeranno soprattutto i servizi Europa-US ed Asia-Europa, inclusi i traffici che dall’Asia entrano in Europa attraverso la Southern Gateway e i porti del Mediterraneo. A causa dell’attesa crescita dei movimenti legati alla Cina, dal Sud-Est Asiatico e da altre aree dell’Asia, l’opzione Southern Gateway per il transito dei volumi destinati al centro e al nord Europa rappresenterà un’alternativa sempre più interessante.

 

La crescita dei Paesi del Sud-Est asiatico è rimasta stabile nel 2017, ma ha fatto registrare cambiamenti nella ripartizione delle quote di mercato per il trasporto merci all’interno della regione. Anche i volumi movimentati nei porti Europei sono aumentati di un robusto 5% nel 2017, un risultato certamente legato alla crescita registrata relativamente alle esportazioni in uscita dai porti asiatici. La ripresa dei volumi in Europa è stata sostenuta in parte dai porti del Sud, con i gateway di Mersin, La Spezia, Genova, Ambarli, Barcellona e Valencia che hanno ottenuto risultati decisamente positivi.

Gli scambi tra Asia e Mediterraneo dovrebbero marcare quest’anno una forte crescita della domanda di export dall’Asia, un trend evidente durante tutto il 2017. I volumi Asia-Med sono cresicuti del 7,9% e, sebbene il ritmo della crescita abbia rallentato nel quarto trimestre, la crescita relativa al 2017 si è assestata al 5,4%.

In dieci anni – da prima della crisi finanziaria globale – il mercato del trasporto Asia-Med è cresciuto del 30%, a fronte di una crescita del 10% sulle rotte Asia-Nord Europa.

 

Il vero test riguarderà la capacità delle linee di navigazione di offrire nuova capacità di stiva dopo il Capodanno Cinese, a metà Febbraio. In un contesto in cui la crescita è piuttosto flebile, le festività legate al nuovo anno lunare offriranno alle linee l’opportunità di riorganizzare le flotte, in vista della peak season estiva. Mentre rimane costante la pressione dal lato dell’offerta, con nuove portacontainer che entreranno in servizio nella prima metà dell’anno, il numero di unità inutilizzate si mantiene piuttosto basso, rispetto agli standard recenti, attestandosi intorno al 2%.

La maggior parte degli analisti concordano sul fatto che, nonostante il permanere dell’incertezza sul lato dell’offerta, il riassetto delle rotte commerciali al quale abbiamo assistito nel 2017 continuerà nell’Anno del Cane, anche in virtù della continua ricerca di soluzioni alternative ottimali per gli scambi con l’Europa, da parte degli operatori Asiatici ed internazionali.

 

 

Questo articolo fa parte di CS WINdow, la newsletter del Gruppo Contship Italia, che offre analisi ed approfondimenti sul mondo della supply chain, con un focus sulla logistica intermodale europea.

Potrebbe interessarti anche...

  • Esperienza
    18 Luglio 2018

    Inside the industry: sul binario giusto

  • Esperienza
    20 Novembre 2018

    Inside the Industry: Sempre più Cina in Europa

  • Esperienza
    19 Novembre 2018

    CS WINdow - Novembre 2018