7 Settembre 2018

Il Terminal Contship di La Spezia è il primo terminal portuale in Europa autorizzato ad effettuare procedure di fumigazione per il trattamento BMSB su container diretti in Australia e Nuova Zelanda

Il trattamento di fumigazione ad alta temperatura è un processo obbligatorio per le merci spedite via mare dall’Italia all’Australia per evitare la presenza della cimice asiatica – la Brown Marmorated Stink Bug (BMSB) che provoca danni all’agricoltura Australiana

 

Il trattamento “BMSB Heat Treatment” è un processo che il Dipartimento per l’Agricoltura Australiano ha introdotto in forma obbligatoria dal 1° settembre al 31 aprile per la merce con polizza, diretta in Asutralia e anche in Nuova Zelanda. Dallo scorso Lunedi 27 agosto il Terminal Contship di La Spezia è entrato nella whitelist del Ministero dell’Agricoltura Australiano come operatore certificato ed autorizzato ad effettuare trattamenti di fumigazione per l’eliminazione delle cimici asiatiche sui contenitori in esportazione da Italia, Germania, Francia, Usa, Russia, Grecia, Ungheria, Romania e Georgia – è il primo Terminal portuale in Europa ad ottenere questo tipo di certificazione.

Le richieste per effettuare il trattamento dovranno arrivare direttamente dai transitari doganali, ed il procedimento prevede un trattamento effettuato seguendo la Heat Treatment Methodology emessa dal Ministero dell’Agricoltura Australiano, con un successivo cambio di sigillo e l’emissione del certificato contenente il codice unico AEI (AQIS Entity Identifier) che identifica l’operatore autorizzato ad effettuare la procedura.

La procedura per il traffico export diretto verso le due isole dell’Oceania sarà applicabile sui contenitori che raggiungono il terminal Spezzino sia via camion che via treno a partire dal 1 settembre. Nel 2017 LSCT ha gestito più di 24.500 TEU complessivi, diretti verso Australia e Nuova Zelanda. L’88%, (circa 21.500 TEU), sono sbarcati in Australia, mentre i rimanenti 3.000 TEU hanno toccato i porti Neo-Zelandesi. Nel primo semestre 2018 inoltre, il Terminal ha già gestito oltre 11.000 TEU destinati alle due isole.

In termini economici e non più di volumi, l’interscambio con le due principali regioni dell’Oceania nel primo quadrimestre 2018 è incrementato di circa il 6,5% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, ammontando a circa 1,6 miliardi di Euro.

Lo stesso trattamento è anche disponibile presso il centro intermodale di Melzo (Rail Hub Milano) che connette i principali mercati del Nord Italia, Centro e Sud Europa con i gateway dell’alto Tirreno (La Spezia e Genova), alto Adriatico (Ravenna) e a breve anche con Gioia Tauro dove è in fase di realizzazione un nuovo Rail Gateway. A Melzo il servizio è esternalizzato su apposite ditte specializzate e certificate dal ministero Australiano che, in sinergia con Hannibal, offrono agli esportatori la possibilità di effettuare il trattamento prima del trasporto verso il porto di imbarco.

Con questo servizio, La Spezia Container Terminal, rafforza il proprio impegno per la competitività delle merci in esportazione che continuano a giocare un ruolo fondamentale per l’andamento del Prodotto Interno Lordo Italiano.

 

Per sapere di più sulle procedure di fumigazione, o sul network di La Spezia, clicca i link sotto:

Potrebbe interessarti anche...

  • Storie
    3 Aprile 2019

    La Spezia Container Terminal vince premio “Industria Felix”

  • Storie
    26 Luglio 2018

    Nuova viabilità tra gate Stagnoni e terminal Ravano

  • Fluidmesh technology LSCT terminal
    Esperienza
    27 Marzo 2019

    Il Terminal Contship di La Spezia adotta la tecnologia Fluidmesh per rafforzare connettività TOS